Concetto di “porto” e “trasporto”; validità delle diverse licenze di porto di fucile; denunzia delle munizioni da tiro.

Alcuni quesiti hanno denotato scarsissima comprensione dei concetti sopra indicati e della validità delle diverse licenze, confusione spesso ingenerata da errati pareri ottenuti dal personale addetto al rilascio delle autorizzazioni di Polizia  e,  per tale motivo, nel rispondere ai quesiti,  occorre riassumere quanto segue:

  • L’efficacia, ai fini che interessano, del porto di fucile “solo per uso di caccia” assorbe quello “per tiro a volo” per cui non è necessario la speciale licenza di porto di fucile per tiro a volo per esercitare tale attività ma basta (ed avanza) quella normale “solo per uso di caccia” in possesso a tutti i cacciatori.
  • Entrambe le licenze consentono il trasporto di qualunque tipo di arma per lecite finalità,  anche con le relative munizioni.
  • La differenza tra porto  e trasporto, in parole semplici, consiste nelle modalità con cui si sposta da un luogo all’altro l’arma (e le munizioni) in quanto se l’arma viene tenuta come tale “a portata di mano” e pronta ad essere utilizzata come tale, si tratterà di porto mentre, se è spostata da un luogo all’altro come una qualsiasi altra merce, si tratterà di trasporto.
  • Un fucile custodito all’interno del cofano della vettura è un fucile trasportato  e non portato indipendentemente dal fatto che sia smontato, chiuso in una custodia e se vi siano anche il loco delle cartucce.
  • Anche con la licenza di porto di pistola è possibile trasportare un fucile ad un campo di Tiro e qui effettuare, in piena libertà, (A PATTO DI ESSERE SOCI) ogni attività sportiva di Tiro.
  • Il numero delle cartucce cal. 12 caricate a pallini che si possono portare a caccia o trasportare verso un campo di tiro non può superare le 1000 cartucce per ogni titolare di licenza che viaggia in auto (numero massimo detenibile pro capite senza la denunzia).
  • Parimenti non si possono acquistare più di 1000 cartucce da tiro (o da caccia a pallini) con un’unica licenza.
  • E’ possibile detenere fino a 1500 cartucce da tiro o da caccia (a pallini) dichiarandone la detenzione (ma si sconsiglia tale eventualità per le complicazioni burocratiche connesse).
  • Non esiste (purtroppo) un criterio chiaro che consente di discernere le munizioni a pallini e quelle caricate “a pallettoni” (che vanno dichiarate indipendentemente dal loro numero). In questa sede, rispondendo al quesito posto, chiarisco che le munizioni con piombo 0, 00 e 000 sono sicuramente da considerarsi “a pallini” e quindi detenibili, senza denunzia, nel quantitativo massimo sopra indicato. Recentemente la Corte di Cassazione ha ritenuto che sono considerati "pallettoni"e,quindi soggette a denunzia le munizioni caricate con proiettili sferici di grandezza pari o superiore a 5 mm.